la risorsa più preziosa: l’acqua

Leggo oggi il bellissimo post di Leandro, con il quale condivido alcuni punti essenziali:

1) Possiedo anche io la famosa caraffa Brita e ne sono soddisfatto

caraffa brita

2) trovo anche io STUPIDO dover trasportare l’acqua dal supermercato al secondo piano di casa, quando, rispetto a 100 anni fa, TUTTI ogi hanno un rubinetto dell’acqua potabile dentro ogni casa.

 Rispetto a grandi temi ecologici (petrolio, energia, CO2 ..) che coinvolgono enormi lobbies di potere, guerre geopolitica, interessi globali, ci sono invece cose molto più “piccole” che potrebbero migliorare cosi’ “tanto” la nostra vita futura.

Pensare quindi allo spreco di energie per il ciclo di produzione e distribuzione delle bottiglie d’acqua, mi crea un nodo alla gola, se penso a quanto sia semplice e possibile, eliminare istantaneamente e definitivamente il problema alla radice.

 

Non credo che la caraffa Brita salverà il mondo, ma credo che con un po’ di consapevolezza in più si possa veramente fare molto spendendo poco

Creatività vs Educazione

Grazie ad Andrea Benassi, ora anche i non anglofoni possono godersi il contributi di Ted Robinson al TED2005. Gli argomenti sono da ritenersi preziosissimi per chiunque abbia a cuore l’educazione, ma la visione di questo intervento si inserisce in un ambito più elevato di visione del nostro futuro.

Oltre al contenuto, davvero illuminante, anche il metodo, il linguaggio informale, carico di ilarità mai gratuita e sempre contestuale, dimostra la completezza di una persona che non si limita a concetti e teoria ma che insegna con le sue azioni.

Vodpod videos no longer available.

more about “Creatività vs Educazione“, posted with vodpod

La vita dopo la morte (Pietro Archiati)

Prima conferenza : La morte scuote tutti, anche i piu’ duri

( 01 –   02 –  03 –   04 –   05 )

Seconda conferenza :    Come vivono i morti

(  06 –   07 –   08 –   09 –   10 –    11 )

Terza conferenza : I morti ci parlano

(prossimamente)

Quarta conferenza : Siamo tutti immmortali

(prossimamente)

Quinta conferenza : Morire ogni giorno

(prossimamente)

Puoi abbonarti ai Feed RSS tramite iTunes

Puoi abbonarti al podcast con un qualsiasi RSS reader

Inquietudine globale

Tornato dalle ferie con rinnovata serenità, inizio a informarmi su quello che è capitato al mondo mentre ero spensieratamente in giro, Vado quindi a cercarmi informazioni su una zona chiamata Ossezia, per capire come sia possibile leggere alcuni articoli che parlano di “invasione Russa”, di “Interventi NATO” e risoluzione Sarkosy!! Ci sono sicuramente “zone calde” al mondo , ma ho sempre la speranza che la tensione diminuisca, non che aumentino i conflitti e i reattori. Ricomincio a lavorare, e in una discussione, alcuni colleghi mi dicono che non voterebbero mai per un musulmano come presidente degli stati uniti!! Chiedo se stessero scherzando, e la risposta è “L’ha dichiarato lui di esserlo!!”.Sbalordito chiedo lumi e mi confermano pacatamente la notizia. Nel più totale sbalordimento, ed avendo molto stima degli interlocutori, vado a cercare qualche altra informazione in merito (ma quante cose son successe mentre non c’ero!!), scopro quindi, abbastanza facilmente, che il fatto non sussiste assolutamente: e non lo scopro dal blog di Beppe Grillo, ma dalle testate più disparate: il Folio, il Giornale , Repubblica … Inizio a tranquillizzarmi e rasserenarmi, perchè si tratta solamente di un errore grossolano del Corriere della sera, (che aveva già dato un altra notizia falsa su obama in passato): in nessun’altra parte del mondo nessun’altro ne ha parlato, infatti Obama, nell’intervista con George Stephanopoulos , stava dicendo proprio quello: erano usciti degli articoli diffamatori diverso tempo prima, ma si era risolto tutto elegantemente e lui stava dicendo proprio che “MC Kain non ha mai usato l’arma della mia presunta fede musulmana” ed ha poi specificato “Si la mia fede è cristiana”. Ma se da una parte questo mi ha tranquillizzato, dall’altra mi ha rattristato moltissimo.. se delle persone che io stimo mi dicono in modo pacato e tranquillo che “Obama è musulmano perchè l’ha dichiarato lui” significa molte cose. Anzitutto che l’odio gorgoglia sempre più nel’intimo degli uomini e non vede l’ora di sfogarsi in qualcuno che lo rappresenta, ma soprattutto che le prossime elezioni potrebbero davvero vincerle i repubblicani, e la cosa mi mette davvero una certa ansia. I repubblicani, probabilmente si sono accorti (solo ora) che mentre in tutti il mondo si da spazio al nuovo (Una Donna Premieri in Germania, una candidata donna in Francia, Una Donna ed un Nero tra i suoi antagonisti) loro hanno un candidato settantaduenne, ex Generale e guerrafondaio.Hanno quindi aggiunto, in extremis, Una donna come vicepremier, che rassicura tutti di essere una buona mamma e di volere il meglio per la sua nazione. Leggo oggi su repubblica, che si esprime in questi termini sulla guerra in Iraq “un compito indicato da Dio”, leggere poi un affermazione come “Usa potrebbero entrare in guerra con Mosca” mi ha fatto davvero stare male.. mi vengono quasi i conati di vomito Ma come? non basta l’afganistan, l’Iraq, lo spauracchio Iran.. la questione Palestinese.. tutti i conflitti di potere in Africa, la polveriera Cinese.. viviamo in un equilibrio sempre più instabile e qualcuno parla di nuovi nemici e nuove guerre? ma allora forse siamo GIA dentro la terza guerra mondiale e non ce ne rendiamo conto?

Terrorismo Sintetico

Ogni volta che leggo delle notizie, oppure vedo dei documentari sui fatti dell’undici settembre, ovvero documenti che normalmente danno versioni in netto contrasto con le teorie ufficiali, vengo sempre preso da un senso di disorientamento. Il denominatore comune di questo tipo di notizie, sono di matrice definita dei suoi detrattori come “complottista”, overo sono documenti dove si teorizza che alcune uomini che detengono molto potere negli USA abbiano “macchinato” l’attacco alle torri e al Pentagono come scusa per poter poi, con l’appoggio delle masse, attaccare l’Afganistan e l’Iraq.

Devo dire che le prime volte che sentivo queste argomentazioni, erano di carattere molto scandalistico, e suscitavano in me da una parte la curiosità e la voglia di poter “svelare” qualche mistero dei nostri tempi (vedi New century American), ma poi, passato l’entusiasmo iniziale, solitamente archiviavo inconsciamente queste informazioni come troppo crude, spietate, troppo.. anche per le menti umane più perverse e pericolose del mondo.

Con il passare del tempo, i documenti si sono fatti sempre più ogettivi, più scentifici e numerosi, fino a potersi raccogliere oggi come una cultura vera e propria di ipotesi e ricerche, anche per il fenomeno crescente del giornalismo investigatigativo, raccogliendo quidi nuovi elementi, diversi punti di vista e nuove fonti e interpretazioni.

Quando ho scaricato e mi sono preso 2 d’ore di termpo per guardare questo documentario, avevo la sensazione di ritrovarmi a sentire cosa già sentite e di trovarmi poi nella stessa situazione già vissuta altre volte, il motivo per cui ho deciso di vederlo è la presenza di un personaggio che stimo davvero molto : Dario Fo (beh, un premio Nobel Italiano probabilmente è stimabile almeno da moltissimi italiani).

Il racconto del documentario “Zero-Inchiesta sull’ 11 settembre” di Giulietto Chiesa è interessante, sicuramente da vedere.

Dopo la presentazione di questo documentario c’è la presentazione del libro di Webster Griffin Tarpley : “La Fabbrica del Terrore Made in Usa: Origini e obiettivi dell’11 settembre“.

Questa presentazione mi ha davvero scosso, forse quanto, se non di più, i primi documenti sull’ undici settembre: propone una teoria tutta interna; un golpe, con tanto di nomi e metodi, di obiettivi e strategie di quel giorno funesto.

Un filo conduttore che parte dalla germania nazista fino all’iraq, ma anche verso il futuro, tra Iran e Russia, in piena terza guerra mondiale dove dichiara e descrive almeno 2 casi dove abbiamo rischiato un nuovo lancio di bomba atomica.

Diverse domande, molto interessanti, alla fine del dibattito mettono in luce una teoria che mostra di essere approfondita e l’autore prende le distanze da altre teorie complottistiche deliranti.

In alcuni momenti penso: ma non sarà delirio anche il suo?

Di Particolare interesse, ho trovato il paragone macchiavellico con le attuali oligarchie e il parallelo tra il moderno impero anglo-americano e altri imperi del passato,quello Romano e quello Spagnolo, dove sono più le lotte di potere interno a sciogliere gli imperi, che non i nemici esterni.

Quale posizione prendere?

Certo che il veder complotti complica le cose, ma non sono forse cose davvero complicate?

Studiando la storia, spesso ci si accorge quanto diversa è la percezione delle persone coinvolte in prima persona, e dei lettori che leggono la storia sui libri, quando la storia è diversa se letta da libri che provengono da culture diverse, che è ancora diversa dal vissuto…

Alla fine rimango comunque attonito ma più consapevole, mi risuona la citazione di Gramsci: “Bisogna procedere con il pessimismo dell’Intelligenza e l’ottimismo della Volontà”

Phun, imparare la fisica in modo divertente

Phun è uno dei progetti davvero stimolanti sotto tanti pu di vista, uno di quei progetti che capita di trovare in rete, navigando sul blog di qualche appassionato, e poi ti accorgi che il tamtam della rete lo fa rimbalzare su moltissimi altri blog, tanto che non riesci nemmeno più a citare una fonte perchè ormai il fenomeno si è avviato e non ha più molta importanza trovare chi, per primo, ha riportato la notizia.

Anche io riporto la notizia, non per moda quindi, ma per partecipare a questo meraviglioso tamtam che, meritatamente, fa conoscere un progetto tanto rivoluzionario, quanto semplice e diretto, imparare divertendosi.

Phun nasce dalla tesi di laurea di Emil Ernerfeldt , uno studente svedese che ha ideato un “gioco” semplice come “Paint”, dove si possono creare oggetti in 2D e vederli animare da forze fisiche, come la gravità o il moto indotto.Gli oggetti interagiscono con semplici regole fisiche, si scontrano , cadono e rimbalzano, entrando in modo divertente nel mondo delle leggi fisiche.Non ho resistito e l’ho installato sulla mia linux-box, aspettandomi che i file binari scaricati (pochissimi KB)mi richiedessero qualche astrusa dipendenza o componente non presente sulla macchina.. invece….

Voila’, scompattato, lanciato.. AZIONE.

(ovviamente esiste anche una versione per Windows, e presto anche per MAC)

L’interfaccia è oltremodo semplice e intuitiva, ma riesce a gestire davvero moltissime informazioni e sembra di percepire l’aspetto giocoso che non è stato solo dato all’applicazione, ma è intrisa dall’autore, che probabilmente si è davvero divertito un sacco a realizzarla.

Complimenti quindi al genio intuitivo e realizzativo di questo splendito oggetto, che dovrebbe entrare a pieno diritto tra le applicazioni presenti nel computer di tutte le scuole, di ogni grado.

Le nanotecnologie di Nokia

Di nanotecnologie se ne parla da diverso tempo, anche se di applicazioni pratiche, per ora, è difficile vederne ed anche immaginarle.

Il progetto MORPH, di Nokia sembra una delle applicazioni più interessanti, che puo’ solleciate la fantasia di ognuno e capire davvero come potranno cambiare i dispositivi quotidiani con queste tecnologie.

Se ancora vi state domandano di cosa si tratta, guardatevi il video, vale più di mille parole.