Phun, imparare la fisica in modo divertente

Phun è uno dei progetti davvero stimolanti sotto tanti pu di vista, uno di quei progetti che capita di trovare in rete, navigando sul blog di qualche appassionato, e poi ti accorgi che il tamtam della rete lo fa rimbalzare su moltissimi altri blog, tanto che non riesci nemmeno più a citare una fonte perchè ormai il fenomeno si è avviato e non ha più molta importanza trovare chi, per primo, ha riportato la notizia.

Anche io riporto la notizia, non per moda quindi, ma per partecipare a questo meraviglioso tamtam che, meritatamente, fa conoscere un progetto tanto rivoluzionario, quanto semplice e diretto, imparare divertendosi.

Phun nasce dalla tesi di laurea di Emil Ernerfeldt , uno studente svedese che ha ideato un “gioco” semplice come “Paint”, dove si possono creare oggetti in 2D e vederli animare da forze fisiche, come la gravità o il moto indotto.Gli oggetti interagiscono con semplici regole fisiche, si scontrano , cadono e rimbalzano, entrando in modo divertente nel mondo delle leggi fisiche.Non ho resistito e l’ho installato sulla mia linux-box, aspettandomi che i file binari scaricati (pochissimi KB)mi richiedessero qualche astrusa dipendenza o componente non presente sulla macchina.. invece….

Voila’, scompattato, lanciato.. AZIONE.

(ovviamente esiste anche una versione per Windows, e presto anche per MAC)

L’interfaccia è oltremodo semplice e intuitiva, ma riesce a gestire davvero moltissime informazioni e sembra di percepire l’aspetto giocoso che non è stato solo dato all’applicazione, ma è intrisa dall’autore, che probabilmente si è davvero divertito un sacco a realizzarla.

Complimenti quindi al genio intuitivo e realizzativo di questo splendito oggetto, che dovrebbe entrare a pieno diritto tra le applicazioni presenti nel computer di tutte le scuole, di ogni grado.

Annunci

Le nanotecnologie di Nokia

Di nanotecnologie se ne parla da diverso tempo, anche se di applicazioni pratiche, per ora, è difficile vederne ed anche immaginarle.

Il progetto MORPH, di Nokia sembra una delle applicazioni più interessanti, che puo’ solleciate la fantasia di ognuno e capire davvero come potranno cambiare i dispositivi quotidiani con queste tecnologie.

Se ancora vi state domandano di cosa si tratta, guardatevi il video, vale più di mille parole.

Did You Know 2.0

Un video che stimola i concetti che stanno dietro al termine “2.0”, non solo web2.0, ma il senso di evoluzione antropologica che a me piace chiamare esseri umani 2.0 , come nel fantastico libro di Franco Bolelli (articolo su repubblica).

Il video fa parte di un progetto che ha iniziato un wiki dove invita tutti alla partecipazione, anche solo per tradurlo nelle varie lingue