Phun, imparare la fisica in modo divertente

Phun è uno dei progetti davvero stimolanti sotto tanti pu di vista, uno di quei progetti che capita di trovare in rete, navigando sul blog di qualche appassionato, e poi ti accorgi che il tamtam della rete lo fa rimbalzare su moltissimi altri blog, tanto che non riesci nemmeno più a citare una fonte perchè ormai il fenomeno si è avviato e non ha più molta importanza trovare chi, per primo, ha riportato la notizia.

Anche io riporto la notizia, non per moda quindi, ma per partecipare a questo meraviglioso tamtam che, meritatamente, fa conoscere un progetto tanto rivoluzionario, quanto semplice e diretto, imparare divertendosi.

Phun nasce dalla tesi di laurea di Emil Ernerfeldt , uno studente svedese che ha ideato un “gioco” semplice come “Paint”, dove si possono creare oggetti in 2D e vederli animare da forze fisiche, come la gravità o il moto indotto.Gli oggetti interagiscono con semplici regole fisiche, si scontrano , cadono e rimbalzano, entrando in modo divertente nel mondo delle leggi fisiche.Non ho resistito e l’ho installato sulla mia linux-box, aspettandomi che i file binari scaricati (pochissimi KB)mi richiedessero qualche astrusa dipendenza o componente non presente sulla macchina.. invece….

Voila’, scompattato, lanciato.. AZIONE.

(ovviamente esiste anche una versione per Windows, e presto anche per MAC)

L’interfaccia è oltremodo semplice e intuitiva, ma riesce a gestire davvero moltissime informazioni e sembra di percepire l’aspetto giocoso che non è stato solo dato all’applicazione, ma è intrisa dall’autore, che probabilmente si è davvero divertito un sacco a realizzarla.

Complimenti quindi al genio intuitivo e realizzativo di questo splendito oggetto, che dovrebbe entrare a pieno diritto tra le applicazioni presenti nel computer di tutte le scuole, di ogni grado.

Annunci